Notiziario a cura dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Sapri

Nel primo numero del notiziario vengono trattati numerosi temi, mi sembra interessante riportare l'articolo a firma del Sindaco, arch. Giuseppe Del Medico, dal titolo:

 

 "Le tre città".

 

           Per Sapri, per la nostra comunità, abbiamo immaginato un futuro di sviluppo e di innovazione.

        A questo progetto abbiamo voluto dare un nome, che fosse sintesi delle idee e delle passioni che lo hanno generato.

          Su questa ipotesi di "Città delle opportunità" abbiamo chiesto la fiducia dei cittadini, trasformando un progetto in programma politico-amministrativo.

        In questi primi mesi di impegno e di servizio, le nostre volontà e i nostri pensieri sono rimasti fissi sull'obiettivo di cominciare a costruire, da subito, pezzi di futuro.

           E le realizzazioni concrete di cui diamo conto in questo primo numero di Sapri informa intende rendere testimonianza ai passi compiuti in questa direzione.

           Ma le opportunità - ed è questa la prima, e forse più grande, lezione che possiamo oggi trarre dal  primo pezzo del nostro cammino - hanno senso solo se strettamente connesse ad altre due parole: o, se si vuole, a due stili o atteggiamenti.

  La prima parola è senza dubbio progettualità.

           Intesa come capacità di individuare gli obiettivi, di predisporre le risorse, di conseguire risultati concreti e verificabili.

           Dando così corpo  e concretezza a scelte e intuizioni.

           La seconda parola è invece dialogo.

           Apertura vera e non di maniera ai bisogni della comunità e alle aspettative dei singoli.

           Ma anche costruzione di una casa comunale accogliente e trasparente.

          Sapri città delle opportunità, Sapri città dell'efficienza, Sapri città del dialogo.

        Tre parole assimilabili.

       Tre concetti complementari.

        Tre città in una.

        Una sorta di traccia da seguire, giorno dopo giorno, nel processo di maturazione di una comunità definitivamente all'altezza delle aspirazioni di noi tutti. 

 

                                                                                           Giuseppe Del Medico

 

 

 

Nella Sala Consiliare del Municipio, durante la

manifestazione

"Una Città che dialoga"

viene presentato il primo numero

del notiziario "Sapri informa",

praticamente una finestra sull'

attività amministrativa del Comune di Sapri

e non solo.

 

Il periodico è una novità assoluta

per la cittadina saprese.

 

 

      Nella seduta del Consiglio Comunale, su proposta dell'Istituto Comprensivo "Dante Alighieri", viene dedicato il plesso scolastico di via Crispi al prematuramente scomparso direttore didattico dott. Giovanni FERRARI.

 

       Il direttore Ferrari era un uomo che si era dedicato all'istruzione dei piccoli cittadini di Sapri ed era stimato dalla comunità saprese per la sua disponibilità che lo ha caratterizzato sia nella sua attività didattica che nell' impegno  sociale.

 

       Del direttore Ferrari, che mi ha onorato della sua amicizia, ricordo il sorriso ed il modo garbato di affrontare i problemi.

   

        Problemi che risolveva sempre con la semplicità e l'acume propri delle persone di grande cultura.

Il direttore Ferrari componeva poesie.

 

Dalla raccolta "Case senza fumo"

Libreria Editrice Rizieri Lauria

dell'anno 1978

Un buco nella sabbia