decima pagina

 

28 luglio

nella foto lo striscione che apriva le manifestazioni del "Comitato di Lotta"

 

       25° anniversario    

 

  giorno 28 luglio 1979 i cittadini di Sapri, del comprensorio e anche numerosi turisti, manifestano per chiedere l'apertura dell'ospedale civile che da circa 30 anni, tra alterne vicissitudini, sembrava sul punto di essere aperto.

 

Una giornata lunghissima che fa registrare un' imponente manifestazione ed il successivo drammatico blocco della linea ferroviaria.

 

Dopo lunghe successive estenuanti trattative, durate tutto il mese di agosto, il I° settembre aprirà l'ospedale civile "dell'Immacolata" di Sapri.

 

Da quella data tornerà nei codici fiscali il codice

  I422 

identificativo dei nati nel comune di Sapri, assente da numerosi anni!

 

E' trascorso in un soffio un quarto di secolo!

Le concitate fasi di una giornata di fine luglio sono rimaste indelebili nel patrimonio mnemonico dei protagonisti (per non parlare di quelle del successivo agosto!).

Una pagina di storia saprese certamente scomoda, per le conseguenze inflitte ad ignari viaggiatori che hanno subìto il blocco per circa dieci ore e per gli attriti che si produssero (per anni) nei vari ambienti sapresi.

Un episodio che contribuì allo sblocco dell'impasse nella quale era precipitata la vicenda dell'ospedale di Sapri, elemento essenziale per la garanzia della salute e, anche, per l'economia dell'estremo sud della Campania.