10 ^

19 maggio

Dopo 275 anni (!) dall'edificazione del duomo cittadino sono state collocate, nelle nicchie laterali alla principale porta d'ingresso, le riproduzioni in marmo, realizzate in Carrara, delle statue lignee del Santo Patrono S. Vito Martire e della Madonna Immacolata alla Quale la chiesa dedicata, custodite all'interno.

 

Opere volute con decisione dal parroco don Nicola.

 

Al rientro della tradizionale processione in onore del Santo Protettore San Vito, tenuta per le vie della cittadina, ed alla presenza del vescovo di Teggiano, mons. Angelo Spinillo, e del presidente della provincia di Salerno, dott. Angelo Villani, stato celebrato il rito di benedizione delle effigi religiose esposte.

 

Le riproduzioni marmoree si aggiungono alla statua del Buon Pastore, fatta installare dai padri Stimmatini anni addietro, posta nella piccola nicchia del portale.