9 ^

19 maggio

Nominata la Commissione Toponomastica

Tre i “saggi”:

Angelo Guzzo,

Felice Cesarino e Pino Di Donato.

 

    Il Consiglio Comunale di Sapri ha nominato gli esperti della Commissione consultiva per la toponomastica cittadina.

 

     I tre “saggi”, due indicati dagli esponenti della maggioranza e uno da quelli della minoranza, sui quali c’è stato accordo e consenso unanime, sono, rispettivamente: il prof. Angelo Guzzo, giornalista e scrittore, ben noto negli ambienti culturali del salernitano, collaboratore di testate locali e nazionali, autore di pregevoli monografie storiche sul Cilento e consulente di corsi di giornalismo e di storia del territorio nelle scuole; il giornalista Pino Di Donato, corrispondente locale del quotidiano di Salerno e provincia “Il Salernitano”; e il prof. Felice Cesarino, docente di Storia dell’Arte, grande esperto di archeologia e storia del territorio, collaboratore di riviste specializzate internazionali e autore di interessanti opere scientifiche.

 

     Una commissione, dunque, veramente prestigiosa che, oltre ad offrire ampie garanzie per quanto concerne la conoscenza della storia e della cultura locale, assicura, per la personalità e il valore dei  componenti, rigore morale, obiettività e assoluta autonomia e serenità di giudizio.

 

Tutti i centri urbani possiedono nella loro toponomastica la chiave di lettura del livello di attenzione ed interesse che le comunità locali, succedutesi nel tempo, hanno prestato agli eventi storici ed alle persone che a questi eventi hanno grandemente contribuito.

 

Agli inizi del 1800 la toponomastica saprese faceva riferimento ad "Area del Re", a "strada Fanuele", ad "Area di Cassandra (o Cassantra)", a "strada di S.Giovanni" ed a altre poche vie.

 

Poi l'Unità d'Italia e la tragica spedizione dei 300  hanno determinato numerose denominazioni di civici luoghi pubblici dall'inizio del 1900 o poco prima.

 

Le ultime, recenti, hanno interessato buona parte dell'abitato che si era espanso per circa quaranta anni  con qualche sporadica nuova intitolazione ( via Kennedy negli anni '60 e via San Francesco di Paola negli anni '80 del secolo scorso).

 

Tra le più recenti mi sembra opportuno citare l'intitolazione (con inaudito ritardo!) al poeta e patriota Luigi Mercantini di un viale della I^ zona Peep.

 

Autore de "La spigolatrice di Sapri"  ha reso sempre vivo il tentativo del generale Carlo Pisacane e dato notorietà alla nostra cittadina.

 

Mi piace segnalare anche la recente trasformazione del nome dei due vicoli del centro storico vico Freddo e vico Afflitto, rispettivamente in via Ippolito Nievo e via Pio IX.

 

 Modifiche che, secondo la mia personale opinione, forse andavano meglio ponderate circa l'opportunità di sostituire due toponimi oggettivamente molto originali ed evocativi della struttura del cuore del nostro centro storico.

 

Ai concittadini che sono stati nominati esperti della Commissione consultiva per la toponomastica cittadina, vanno i miei complimenti unitamente agli auguri di buon lavoro.