Chiesa dell'Immacolata

 

 

L'edificio, risalente all'anno 1730 è il più imponente edificio per il culto edificato in Sapri.

La sua ubicazione nella piazza più importante della cittadina determinò la  collocazione della fabbrica religiosa in posizione avanzata rispetto alla linea dei fabbricati che presumibilmente cingevano l'intera area della piazza stessa.

Tale obbligata collocazione valorizza  enormemente le prospettive, sia della  piazza che dell'edificio religioso.

 

il portale è stato collocato durante la reggenza del Parroco don Peppino AURICCHIO

 

Il portale in bronzo, opera del prof. Carucci è stato posto in opera nell'aprile del 1983, a cura dei padri Stimmatini.

La scultura del portale, nel quale è visibile il golfo di Sapri, rappresenta la guida dei santi S.Vito( Patrono del paese), S.Francesco di Paola e S.Gaspare Bertoni (fondatore dell'Ordine degli Stimmatini) del popolo saprese, con l'intercessione della Madonna Immacolata (alla Quale la chiesa è dedicata),  al raggiungimento delle più alte mete spirituali, rappresentate nella Crocifissione e  Resurrezione di Gesù Cristo.

L'opera, pregna di simboli, si integra perfettamente nella storia religiosa saprese della Chiesa Madre.

Difatti la chiesa dell'Immacolata è stata fino all'anno 1981, la chiesa di riferimento dell'unica parrocchia saprese alla cui guida si sono succeduti numerosi Parroci tra i quali Mons. Antonio CANTISANI , Arcivescovo, e don Giovannino IANTORNO, caro ai cittadini sapresi per il suo ruolo determinante nell'apertura dell'Ospedale di Sapri, anch'esso dedicato alla Madonna Immacolata, avvenuta nel 1979.

 La chiesa è dedicata alla Madonna Immacolata, in Suo onore si svolgono  nella giornata dell' 8 dicembre numerose manifestazioni religiose ed una processione che si snoda per le vie cittadine;

   Nella chiesa è conservata una reliquia di San Vito, Patrono di Sapri, in Suo onore si svolgono nella giornata del 15 giugno numerose manifestazioni religiose ed una processione per tutte le vie cittadine.

   I fedeli di Sapri sono particolarmente devoti ad entrambe le figure religiose ed in particolare, durante le processioni, il paese viene abbellito, soprattutto nel centro storico della Marinella, con tappeti di fiori, di anno in anno sempre più elaborati e sorprendentemente spettacolari.

Affresco Altare Maggiore - anno 2000

opera dell'artista Luciano La Torre

(affresco realizzato al termine del restauro della chiesa,

durante il periodo di reggenza del parroco

Padre Aldo ORMAI)